San Vito......la tanto attesa festa patronale!

Si avvicinano i Festeggiamenti Patronali per San Vito a Polignano a Mare, costituiti da un intenso programma, sia religioso che civile.
Il culto verso il Santo martire è antichissimo ed è legato alla leggendaria traslazione delle reliquie da una località alla foce del fiume Sele (Campania) ad un casale nel territorio di Polignano (attuale frazione di San Vito) avvenuta nel 801 d.C.
I festeggiamenti si apriranno alle 8:00 del 14 Giugno, con la Messa mattutina presso la Chiesa Matrice, cui seguirà la Processione delle Reliquie, consistenti in frammenti dell'osso del ginocchio e del braccio, dalla Matrice all'Abbazia di San Vito.
Alle ore 19, avrà inizio uno dei momenti più suggestivi: la Processione sul mare, a bordo dello zatterone. Con imbarco dal "porticciolo S. Vito", il piccolo simulacro ottocentesco del Santo, donato dal Capitolo dei Sacerdoti alla città di Polignano, giungerà a Cala Paguro e qui sbarcherà, accolto da un fragoroso spettacolo pirotecnico e dal sindaco che affiderà le chiavi della città.
Seguirà la Processione per le vie del paese, e l'ascesa della Sacra Immagine sull'altare di piazza V. Emanuele II (detta popolarmente "Piazza dell'Orologio").
Giorno principale della Festa sarà il 15, Solennità Liturgica di San Vito. Alle 19:00 la Celebrazione Eucaristica in piazza V. Emanuele II. A seguire, l'attesa Processione di Gala per le vie di Polignano, illuminate artisticamente dalla ditta Mariano da Scorrano (Lecce). Chiuderà la serata un grandioso spettacolo pirotecnico a cura della "Pirotecnica Sergio Paolelli" da Tagliacozzo (L'Aquila).
Il 16 Giugno, concluderà la Festa Patronale la discesa dall'altare dell'Immagine di San Vito e la processione postuma.              

                                             (tratto da http://vociecoloridelsud.blogspot.it/2011/06/la-festa-patronale-di-san-vito.html)

san vito polignano a mare

 

Sembra un paesino come tanti altri ma....

polignano

Polignano a Mare è una meta turistica molto ambita in estate ma secondo noi è ancor più bella in primavera, quando possiamo goderci il mare, il sole ed i paesaggi mozzafiato senza la ressa di turisti, in un’atmosfera più distesa.
All'inizio sembra un paesino come tanti dove il centro storico si mischia alla parte nuova nascondendo tanti scorci e panorami difficili da dimenticare.
Varcando l'imponente Arco Marchesale decidiamo di visitare il borgo antico,che in questo periodo dell'anno, è un luogo che sembra fuori dal tempo.
Ci si immette sulla piazza Vittorio Emanuele II o la cosiddetta piazza dell’Orologio.
Quila nostra attenzione è attirata da edifici di rilievo come il Palazzo del Governatore e la Chiesa Matrice, il più importante monumento storico della città. La Chiesa Matrice che fu anche Cattedrale fino al 1818, è in stile romanico-pugliese con inserimenti gotici, rinascimentali e barocchi e al suo interno sono custodite le reliquie del Santo Patrono (San Vito).
Dalla piazza si diramano strette stradine lastricate tra bianche e semplici casette che conducono alle spettacolari terrazze sul mare. Attraversando queste viuzze ci affascina ascoltare il dialetto locale, intravedere anziane signore affacciate ai balconi fioriti e odorare il profumino dei piatti tipici pugliesi.
Le terrazze sono delle piccole logge che si affacciano a strapiombo sul mare offrendo panorami spettacolari su diverse zone di Polignano.
Una di queste balconate ha ospitato e ospiterà nuovamente a Settembre una famosa e spettacolare gara di tuffi "Red Bull Cliff Diving", un evento spettacolare sia per gli spettatori che per gli atleti.
Al di fuori del centro storico troviamo un ponte che collega i due versanti di lama Monachile, un'insenatura naturale che ospita una spiaggetta raggiungibile con una scalinata di epoca romana.
Questa piccola spiaggetta è un incanto perché è incastonata tra le scogliere e
la trasparenza del mare fa venire proprio voglia di fare un tuffo….
Proprio qui notiamo la caratteristica principale del litorale polignanese, ricco di grotte e insenature prodotte dall’erosione dell’acqua e del vento: infatti un’altra attrattiva di Polignano a Mare sono proprio le grotte, di eccezionale valore, per varietà e bellezza, molte delle quali sono visitabili dal mare con barche e gozzi. La più celebre è certamente la “Grotta Palazzese”, visitabile dalla terrazza dove oggi sorge un ristorante. Un’altra grotta molto suggestiva è certamente la “Grotta dei Colombi”, la più grande e senza dubbio una delle più belle con i suoi incantevoli riflessi di luce.
Oltrerpassando il ponte raggiungiamo con pochi passi la statua dedicata a Domenico Modugno che a braccia aperte sembra proprio in procinto di spiccare il volo “nel blu dipinto di blu” che è alle sue spalle. I punti di forza di questo luogo sono la distesa blu intenso del mare e le scogliere coperte di piccole margherite. Alle spalle della statua di Domenico Modugno c’è una scalinata che porta sulla scogliera per poter ammirare meglio il panorama.
Vi consigliamo di visitare le bellezze  di Polignano mentre si gusta un ottimo gelato che di sicuro renderà la vostra passeggiata più piacevole.